Extreme sex on the banks of the River Piave near Pederobba Covolo di Piave, Crocettadel Montello. Free book by Gian Berra. Pagan tale for Venetian servants, free internet.

Extreme sex on the banks of the River Piave near Pederobba Covolo di

Piave, Crocettadel Montello. Free book by Gian Berra.


 A pagan tale for Venetian servants, free internet.

The Magic Mulbarry Tree of Menola, Gian Berra 2012http://www.scribd.com/embeds/89610537/content?start_page=1&view_mode=list&access_key=key-vgzkshr1le51y547wrc

Far from the emotional confusion of a people that has lost much of its roots, sometimeswalking in search of poetry and the relationship with the Goddess of Goddesses: MotherNature is often indifferent to human apes.
from their time in our country have forgotten that she is to give us life.
Walking among the stones on the banks of the River Piave SACRED, and a day back in 2001 I met picarel who told me this story tragic and intriguing. Extreme sex, hardcore sexin the banks of the Piave, near Pederobba Covolo cross the Piave and the Montello.
What emotions rediscover the strength of the instincts of a people now dormant Venetianslave and indifferent to life.
What a surprise to discover that in the depths of people are hiding their true heritage.
Gian Berra 2012

https://sites.google.com/site/veniceworldart/

https://sites.google.com/site/gianberrasite/

https://sites.google.com/site/segusinosite/

https://sites.google.com/site/pederobbasite/

My roots are important….gian berra

Stop for a moment…

https://sites.google.com/site/segusinosite/

https://sites.google.com/site/pederobbasite/

https://sites.google.com/site/veniceworldart/

https://sites.google.com/site/gianberrasite/

creative hand of gian berra

creative hand of gian berra

gian berra  hippie in 1973.

gian berra hippie in 1973

gian berra in 1973!
My roots are important. These are the childhood experiences that form. Forget or pretend to be water under the bridge that is misleading. I care so much that I do I compare with them every moment. Return to your roots is how to get the strength, enthusiasm, willingness to grow as all the puppies of the human being. Mature without carrying the wonder of childhood is like dying. Nature is indifferent to the identity of the individual creatures. It affects the mass of life that replicates itself. So I think that intelligence is an event happened by chance, at least until it really will not be used for the benefit of each identity that you want to play live the life.

Gian Berra organize the first public exhibitions of his art in the late 70’s when the great leap of the art market has now been exhausted. The economic boom is now a memory and the reality of things requires a period of reflection really healthy. Listen to him:

“… It seemed that the illusion of aping the excesses of the international art market was worth more. The pictures without content were no longer taken into account. Even in the province’s” artists “who had ridden the fashion of the new rich form an image they realized that it was now a hangover it was over the ridiculous … ”

“… What could I offer with my art so naive, skinny,” timeless “, now taken for granted? Yet my inner fire begged me not to notice and to continue to dig behind the masks of those who live on illusions a successful end in itself. It was a tough choice, but only so I felt satisfied. In that time still did not speak of “roots” and the dark future on the horizon looked like a hopeless void.

I realized that it was so easy to let the memories showed me the path of my true identity. Why should the people who swarmed around me did not see the colors that I admired about me? I stopped to listen to the voices of the old walls, I was blessed to greet the stones of the bed of the Piave and watched kidnapped the chimneys were smoking from the rooftops. Every now and then fled riding my old Moto Guzzi 500 military and reaches the sea in Jesolo. The wind and the sun comforted me and made me dream with the enthusiasm of those who have forgotten the lesson of freedom that came from ’68. The great lesson of John Lennon singing the Hippy dream seemed forgotten. The party seemed over, the policy failed to distort the dream in violence and deception. The New Age had not yet arrived in Italy and minds were lost in that void. And glad of it.

But I wanted hard. Even then I was convinced that the wealth was inside each of us. was enough to pull it off. Do not you and no one gives when you find the street or is imposed on children as absolute truth … asks in exchange for your soul … ”

“… I had already decided: I turned the images felt my soul into concrete representations that everyone could see. Paintings, real forms, writings, poems, concepts and I would have adored me first. Instead of trying to create idols the road. ”

I WAS BORN …

I was born in a day in November 1947 just after the war was over. A Segusino (TV) there were very few paved roads and telephones. Susa is a village in the hills, almost mountains. Those brave they went to work abroad, but the flight was started 100 years earlier when the artificial paradise of the Venetian Republic was wiped out. The United brought you more misery than before I was born and when poverty was the norm. The misery that the strict laws when it is associated with ignorance. Only the sentiments of humanity and infinite patience of the women who saved the soul of the countries oppressed by a sense of helplessness in the face of events. These are problems that afflict human beings, not Mother Nature. Susa was a fortunate and wonderful nature. but its inhabitants did not know. I spoke recently with the few remaining old and I had the good fortune to discover the reality hidden behind the fear of starvation. As each isolated from the world’s conflicts and hatred for things born from nothing, was enough to step on the field of a neighbor, stealing an apple to invoke hatred. The talk of the country were run by the perpetual and every favor was the result of submission to those who could put a good word. The tavern was the outburst of males and gossip a double edged sword of old ladies. The dialect of Susa was sharp and decisive as that of the mountain. The church was the place to see who came every Sunday to show himself. Who we were not aroused suspicions.

My nature will be enchanted by this timeless corner of Veneto. An optimism that led me into the human and physical landscape of those places. A Venetian who was struggling to throw out its roots. When he was sixty-eight, great time, already beginning to explore the surrounding world and the passion of painting became the main direction.

Representing the wonder for the world that was growing inside me does not pay, just like how all the passions. The mere fact of living it satisfies and makes you continue. The enthusiasm of youth to take me on a difficult road to manage. The artist works in themselves, but every moment the search box.

I soon learned that the reality is quite different. How strange the art market! Nor is the space to dream. But I set myself to do it my way, and the energy was great as the dreams.

The art gallery Martinazzo Montebelluna gave me a valuable hand in 1978 out of the shell. Then began the real number of exhibitions, largely self-managed.

My art was always optimistic and enthusiastic. I was interested in the outlet end in itself. A naive figurative and essential that time is filled with flashes of irony and smugness. NEO BAROQUE as a figurative call it love.

Just a dream, like the rare sculptures already begun to produce then. A pleasant discovery was the watercolor I have always had a hand quickly and spontaneously. I still enjoy, especially in small sizes.

But the game never ends: how to have fun without using the picture? Thus leaving no stone unturned defied the boundaries further and further began my artistic form of gambling.

The BAROQUE INFORMAL was already in my hands trying another form of expression. Sounds easy, but turned out to be a street full of new challenges. The concept that loses its immediate readability in favor of a proposal without thinking of suggestions: a call for the viewer to challenge his own feelings and see where it could go.

I thank my last (of time) friend and admirer Giancarlo Nadai that continues to give me suggestions and opinions. An artist who need it like bread.

Gian Berra, Spring 2007

Overview of 35 years of events:

From 1977 to 1980:

I organized two exhibitions in Treviso Ca ‘de rich and 4 years on permanent display at the gallery in Piazza del Val wheat. Due to the personal gallery Brotto Cornuda (TV). Two personal exhibitions at the gallery The Well of Castelfranco Veneto, Staff in Villach (Austria), Collective in San Diego (California, USA), staff at the gallery of Our Lady Bridge in Conegliano TV, the gallery staff Rasarda in Montecatini Terme, the beginning of collaboration with the Gallery Martinazzo Montebelluna. In 1978, expose for the first time in Treviso at the gallery “The Casket of Val.” It ‘an opportunity to know the “market” for my province. I was offered the opportunity to exhibit at the historic hall of Ca ‘de Ricci for two years in 1978 and 1979. I was presented a painter of great value in vogue in the city: BRUNO FAEL. I met him in his splendid study at Victoria Square and I was generous with advice from which to draw and the result of which I heartily thank him.

In 1980 I decided to open my new studio in Trento in Piazza Santa Maria Maggiore. The year-long adventure in which guests in my study, a painter friend of exception: BRUNO DONADEL of Pieve di Soligo (TV). Staff Pejo (TN).

From 1981 to 1991:

Back in the studio of Covolo di Piave (TV) and organize the series of events that follow: Employees in Turin (International Art Centre), Personnel in Padua (gallery Semeghini), shown at “GIPSOTECA Canova” in Possagno along with Danilo Soligo (1984), continuously for two seasons at the gallery Bafile in Jesolo VE, for two seasons in the gallery Sartori stay in Lignano Sabbiadoro, in 1986 the series of exhibitions in New York: a personal Lanuvio and another in Genzano on Roman hills. An Art in Rome at Saletta. From 1987 to 1991 the series of summer exhibitions in response to the “Celebration of Unity”. All those summers around the Veneto, about 35 exhibitions in direct contact with people. In 1989, the adventure begins in Germany. Personal Dusseldorf, Braunschweig, Monaco and Wurzburg. Gian B-wandering points of the artists who have already encountered this: Luciano Buso, Danilo Soligo, Roberto Polanco, Ottorino Stefani mentioned in the bio page of this site.

From 1992 to 2005:

In 1989 he met Franco Carraro, the founder of Radio 5 range, and a free radio alternative that works in the Veneto and also played outside the region. It ‘an opportunity to work with the radio to spread the message creation. Gian Berra keeps you a broadcast on Sunday afternoon for some time: the title is “Between East and West”, themes of confrontation between two cultures meet.

In 1993 he began the adventure of PRACTICAL COURSE OF PAINTING I create as a way to interact with people who live near me. The aim is to gain experience of practical creativity to anyone who wants to try. Nearly a thousand people attended the course. Slow down with the personal but I do travel with European collectors in Paris, Prague, Metz (France), Liege (Belgium). I create the Cultural Association “cryolite” to help emerging artists shy of my land. Fund a “New Age Poetry Competition”, indicating a great feast of poetry every summer solstice. Poets who reward each other without expert critics. Arrange for eleven years at the City Hall Cornuda (TV) “a collective of Easter” in order to meet local and foreign artists. In 2005 I dedicate this exhibition will be the last to the artists closer to professionalism, but too shy to organize. Almost all of Valdobbiadene (TV). Outstanding artists with more experience and more years of practice: Sergio Bortolini, MIRELLA SOTGIU BEPI Mionetto and JOHN CARAMEL chart wonderful, shy and reserved in his country of Valdobbiadene was virtually ignored. I visited him and found him already very ill. It was an honor for me to propose an exhibition.

From 1995 to 1999 he attended a complete course of training in Psychosynthesis and the result is a diploma at the Center for Psychosynthesis Padova, even then already directed masterfully by Dr. Cynthia Ghidini. It ‘an opportunity to investigate the mental mechanisms that form and express the hidden power of creativity. The increased awareness of the potential hidden in every human being are within everyone’s reach: just past fears induced by an education which limits the courage so natural in children, more daring than what is obvious.

In the meantime, I write poems and stories begin with the first (see the darkened pages). For several years I have fun with painting INFORMAL BAROQUE which joins in perfect harmony with the figurative vein distinguishes me. There are only two languages that only require you to be there and have their say. Return home in 2003, now live and work away 38 boats always Covolo di Piave TV. In the meantime I found the time to do several conferences on the theme of “Fear, who is she?” The last one I held in November 2006 with a staff of my works very well managed at the Art Workshop in Conegliano TV. The friend Giancarlo Nadai I also organizes a permanent at the “King’s Bay Inn” on Refrontolo (TV), that too is a way of placing art in direct contact with people. I move less and now that the paintings to travel. In December 2006, finish my first novel: WASERE, dragon heart, about 200 pages, which I circulate among the closest friends waiting for a publication. The novel is set in 1906 in the village of Segusino (where I was born) and tells of a mysterious event actually happened in those mountains, magic and reality collide when the soul of the place awakens. But I’m already writing another of a completely different genre.

Gian Berra books are available on Lulu.com.

http://stores.lulu.com/baroque

Gian Berra

Eccoci ad un altro fine anno! Altri duecento in arrivo? Asolo se ne frega.

Finalmente un anno di energie sprecate se ne va. Il popolo del tormentone Italia sospira e ansima per dimenticare le beghe politiche e gli inganni della stampa. C’è la libertà di non ascoltare che sppreca enormi quantità di energia per …risparmiare energia…
Altri duecento anni ancora e i libri sacri saranno dichiarati fuorilegge e la Natura forse si accorgerà che qualcuno si è accorto di lei-
 Tutto serio? No davvero e solo uno sfogo dopo una birra scura.
Gian BerraAsolo a fine autunno, Gian Berra               

Beijing…and Gian Berra

 
 
 
 
Beijing… and Gian Berra:¶The Baroque Show
¶Beijing is an example of great baroque festivity.¶China has finally expressed its enthusiasm to the world with wonderful vital charge.¶This is an example to imitate from the West that they always give hides himself same behind the beautiful words.¶Beijing is offered like concrete example of will to make the things together.¶It turns out are looked at to you:¶this is one precious lesson for the world.¶
¶China Thanks!¶It guides to us in this century all to conquer all together.¶
¶Gian Berra.¶
 
 
 
 
Beijing…and Gian Berra: The Baroque Show
Beijing è un esempio di grande festa barocca. La cina
ha finalmente espresso il suo entusiasmo al mondo con
stupenda carica vitale. Questo è un esempio da imitare
dall’occidente che da sempre nasconde sè stesso dietro
le belle parole. Beijing si offre come esempio concreto
di volontà di fare le cose assieme. I risultati si
vedono: questa è una lezione preziosa per il mondo.
Grazie Cina! Guidaci in questo secolo tutto da
conquistare tutti assieme.
Gian Berra.

Young stars Lin Miaoke…and Gian Berra

Lin Miaoke,,,you are like a flower, a youg flower of Cina,,,
 
“She was selected from among many girls. She is a lovely girl and sings well. We decided later on to invite the schoolchildren wearing the costumes of China’s 56 nationalities. We also wanted to add a special piece, so we asked the girl to sing the song,” Zhang said.
 
Fregato in pieno…
Ieri pomeriggio l’ho passato con mia moglie sul divano, con la compagnia di Memole e tre gatti che ci giravano attorno curiosi. La cerimonia di apertura delle olimpiadi era l’attrazione. Ma mia moglie doveva anche occuparsi della cucina e ogni tanto si allontanava. In uno di questi momenti di solitudine è apparsa sullo schermo colorato l’immagine di una bambina cinese bellissima dall’aria disarmante. Cantava con orgoglio ingenuo una canzone. E io sono stato fregato alla grande.
Che vergogna! Gli occhi mi si sono riempiti di lacrime. Ho pianto di commozione e non ci potevo fare nulla. Quando mia moglie è rientrata chissà se se ne è accorta. Forse si, forse no.
Ho continuato a guardare ammirato gli occhi di quella bimba: sorridevano mentre lei cantava; ma anche la bocca accennava ad un sorriso appena accennato, ma pareva presa dal compito del canto. Poi la scena è cambiata e io sono rimasto col cuore gonfio di stupore. Ho ringraziato quella bimba di avermi preso col suo gran potere di vita in germoglio.
Si, lo so che tutto era preparato. E allora? Quella bimba ci credeva a quello che faceva. E questo è un potere che ai nostri bimbi  d’occidente viene negato. Lei viveva quell’attimo come fosse l’unico nell’universo, e mi ha stregato alla grande. Che magia!
Poi stamattina alla radio una signora (italiana) si è lamentata che i cinesi usano i bambini per i loro scopi. Per fortuna lo speaker di turno l’ha liquidata in fretta. Però quella signora era triste e incazzata alla grande. Io e quella bimba invece no. Che sia per il fatto che per tanti occidentali non ci sia la felicità di esserci in questo mondo? Cosa mai hanno perso per strada?
Ma non voglio pensarci, questi sono problemi loro.
Io ho ricevuto un regalo e me lo tengo stretto.
Gian Berra.
Thank you, Lin Miaoke
 
 
 
 

Visualizzazione passiva (o quasi)

 
Visualizzazione passiva…o quasi.        Visibile anche su www.gianberra.com  alla pagina SCIAMANESIMO CREATIVO
 
La prima volta che la feci fu parecchi anni fa. E mi venne naturale senza che nessuno me l’avesse insegnata. Poi tempo dopo la lessi in un testo buddista: non avevo inventato nulla di nuovo.
Evidentemente ad un certo livello di esperienza le cose si ripetono, come prese da un contenitore comune a disposizione di tutti coloro che cercano con un pizzico di coraggio dentro quel contenitore occulto (nascosto) e gratuito che raccoglie ogni esperienza fatta dalle scimmie umane e non solo.
Di certo ero allenato a fare simili esperienze. Ricordo che la causa fu una grande confusione di pensieri dispettosi che mi giravano in testa. E avevo voglia di dormire. Come fare a farli tacere?
Facile a dirsi. Ma quella marmaglia di esseri irrequieti erano là dentro di me e tutti pretendevano attenzione. Io considero i pensieri “esseri” vivi e coscienti a tutti gli effetti.
Ogni pensiero ha il sacrosanto diritto ad esistere. Ha una sua identità, personalità, desideri, emozioni, corpo, scopi ecc.
Per di più è dentro di me; anzi è me stesso. Fa parte di me.
Sarebbe illusione volerlo distruggere, eliminare o gettare via.
E poi c’è il problema che non posso cancellarlo. Il mio cervello ( non so come sia quello degli altri ) ricorda tutto. C’è chi è convinto di aver formattato il proprio cervello, e magari di poter partire da zero. Beato lui. Magari ciò che pensa di aver cancellato e solo dentro un cassetto nascosto…e da li agisce senza farsi vedere.
Che brutta cosa farsi condizionare da ciò che non sappiamo sia nascosto dentro un cassetto…dentro di noi. Non lo vediamo per niente. Giuriamo che non c’è.
E lui si fa beffe di noi. Che brutta figura!
E’ come esserci costruiti un recinto attorno e non vederlo. Chiusi dentro una gabbia pensando che non ci sia, dato che non la vediamo.
Conosco gente che da quella gabbia privata urla al mondo la sua rabbia ritenendosi libera. Forse è stata picchiata da bambino, o forse da grande. Resta il fatto che ora non riesce a liberarsi, e come un cane legato ad una catena urla al mondo il suo disagio. Un guardiano di sé stesso.
La pratica dello sciamanesimo creativo è vecchia come il mondo. Ma necessita di coscienze creative. E il potere creativo è gratis a disposizione di tutti. Basta prenderlo ad ogni angolo di strada e usarlo.
In pratica si tratta di andare ad aprire tutti i possibili cassetti nascosti. Certo non è facile come lamentarsi del male che gli altri fanno a noi stessi o al mondo. I cassetti da aprire sono quelli miei, e contengono tutte le cose che mi sono illuso di archiviare una volta per tutte. Punto e basta.
Ciò che segue non fa per colui che la pensa così. Tanto vale che getti queste note nel cestino e non ci pensi più. Meglio: formatti tutto.
Oppure faccia alte urla irate verso l’infinito, avendo già deciso le sue ragioni una volta per tutte.
Ma come al solito divago, è di certo a causa di altri pensieri dispettosi e parassiti che comunque hanno tutto il diritto di esprimersi. Piccoli Dei .
La visualizzazione passiva in pratica.
Il significato di “visualizzazione” è scontato. Tutti sanno quale è. Ma perché “passiva”?
E’ passiva perché la sua conduzione non è guidata dalla coscienza vigile. Ossia non è l’Ego meraviglioso di cui disponiamo a condurre il gioco. E fin qui nulla di nuovo: ricordo un vecchio testo di Yoga che lessi negli anni ’60, da adolescente, che indicava la stessa cosa. Solo che in quel caso L’Ego era visto come un ostacolo e doveva starsene là buono, quasi addormentato ad imparare chissà quale lezione. Influenze monoteiste dentro la filosofia indiana? In quella cinese e giapponese comunque non esistevano. Ma anche nelle culture native esistono concetti di Senso di Colpa, è uno strumento di potere vecchio come le scimmie umane.
Nella Visualizzazione Passiva a cui mi riferisco l’Ego meraviglioso non conduce il gioco. Ma osserva vigile ogni cosa e fa esperienza di ciò che incontra.
Non agisce per nulla. Non fa niente altro che osservare.
Non può reagire a nulla di ciò che incontra: né emozioni, ne giudizi, né ricordi, né reazioni ecc.
In questo caso accetta di essere solo un osservatore. Lo accetta a priori, in caso contrario il gioco non vale. E’ un gioco pesante. E va fatto come un gioco. Un gioco che inizia dalle emozioni del momento, ma che vengono accantonate per la durata del gioco.
Poi alla fine di tutto ci si può anche sfogare se lo si ritiene necessario. Anche l’Ego ha i suoi diritti. Per Giove!
La visualizzazione passiva può essere fatta dovunque e in ogni condizione e per gli scopi più vari. Ma comunque è meglio farla in un luogo protetto, silenzioso e possibilmente in una posizione rilassata e senza troppa luce. Con la pratica certe condizioni non sono così necessarie. Ma per chi inizia è meglio essere comodi.
Uno scopo più egoistico e farla…per prendere sonno. Lo so che è banale, ma a volte serve. Poi se si ha il coraggio di continuare ogni scopo è valido:
Mi metto rilassato sul divano. Sono a mio agio. Magari ho in testa le bollette da pagare domani, e i soldi non ci sono proprio tutti. Poi c’è la frecciata insolente del capoufficio o del collega antipatico. E ho mangiato cibo pesante. E i lamenti dei figli; il fatto che oggi piove e aspettavo il sole. Per di più c’è la luna piena e mi vengono certi pensieri…
Io non mando via questi pensieri. Sono parte di me e hanno il diritto di farsi sentire.
Cerco di sentire il mio corpo e le sue sensazioni: Il suo peso sul divano, l’aria i cui sono immerso, i vaghi echi dei rumori che percepisco. Io sono il mio corpo: è ovvio.
Ho gli occhi chiusi in modo un po’ forzato in principio. Poi anche quelli si rilassano. La mente è comunque un caos di tensioni che vogliono averla vinta. Ciascuna a modo suo. Non pongo particolare attenzione a ciascuna di esse, ma non pongo alcun ostacolo a nessuna.
Accetto questa confusione così com’è. Io dentro un caos di piccoli Dei, ciascuno dei quali ha ragioni da vendere. Li lascio tutti liberi di dire ciò che hanno necessità di esprimere. E’ nel loro diritto.
La mia parte cosciente osserva quella confusione. Una cacofonia di voci e impressioni a cui assisto da spettatore. Uno spettatore che osserva tutto senza lasciarsi coinvolgere. Sembra impossibile?
Per niente. Basta permettere al nostro Io cosciente, in quel momento, di accettare il linguaggio del cervello: Non concetti ma immagini.
Infatti i concetti che abbiamo in testa sono composti da immagini nascoste. Il cervello funziona per immagini che contengono altre immagini.
Mentre il computer con cui scrivo funziona per negazioni e affermazioni: farà fatica a diventare intelligente. A meno non si inventi un computer che funzioni per immagini (ologrammi). Ma pare che si stia già per inventarne uno…
Noi funzioniamo per immagini-ologrammi. Non solo immagini perciò! Ma ologrammi. L’ologramma è una immagine che contiene tutte le altre immagini in sé come collegamento e “seme”.
Ciò vuol dire che se prendo dal mio cervello una singola immagine, e la faccio a pezzettini, poi raccolgo uno di questi pezzi e lo osservo lui mi mostrerà l’immagine intera ( prima di rompersi). Magari con meno risoluzione, ma sarà comunque intera.
Ma non solo! Osservando meglio quel pezzo posso vedere anche tutte ( o quasi) le immagini che ho nel cervello. Cioè potrò osservare anche in quel pezzo parziale il mio “carattere”.
Magia? No è solo realtà. Realtà nascosta, ma reale.
Perciò per andare avanti nella visualizzazione passiva dovremmo trasformare quei piccoli Dei dispettosi che sono i nostri pensieri…in immagini. E potete star certi che faranno una grande resistenza. Faranno di tutto per non essere svelati. Cioè essere resi riconoscibili come immagini.
La ragione è che siamo stati educati da generazioni ( noi occidentali) a tralasciare l’immagine per il concetto di essa. Un potere che abbiamo perso. Ma che è ora di riprenderci. Siamo pronti a ridiventare idolatri?
La parola fa quasi paura, o quasi. Sembra un insulto.
Siamo stati abituati a riempirci la testa di concetti ragionevoli. Ma non sappiamo quali immagini rappresentano. Tensioni mentali parassite prese come ovvie. Finché rimaniamo là siamo dentro una gabbia.
Come si fa a dare una immagine ai pensieri caotici?
L’errore è pensarci su. E’ come cercare dei concetti da cui costruire immagini. Che sbaglio!
Facciamo il salto di qualità! Lasciamo che siano i pensieri dispettosi a rivelare la propria immagine, qualunque essa sia!
Non siamo forse ora passivi come coscienza?
Ogni pensiero parassita è furbo. Come noi stessi comunque. Si mostra come noi lo vogliamo vedere. Cioè si maschera ( ma non lo fa forse anche l’Ego?).
Possiamo fregare ogni pensiero dispettoso lasciandogli prendere ogni qualsiasi immagine lui decida di mostrarci. Tutto va bene.
Lo lasciamo libero.
E lui ci lascerà liberi.
Potrà “essere” tutto ciò che desidera. In fondo non cerca altro.
Funziona? Facile dirlo a parole scritte. Soprattutto se il procedimento va fatto con tutti i pensieri presenti in quell’attimo.
La difficoltà è sempre la stessa: controllare il processo. L’Ego ha paura di sbagliare qualcosa, di non fare bene i conti. Anche questo è un pensiero dispettoso. E  a chi importa se non facciamo le cose bene? Noi siamo solo spettatori di ciò che accade.
Vada come vada. Per Giove!
Poniamoci come immagine al centro di quel caos che comincia a colorarsi e a arricchirsi di forme vitali spontanee.
E fissiamo l’obiettivo che ci siamo proposti. Io mi ero proposto di prendere sonno, di non pensare più a nulla. Una zona all’orizzonte, buia e vuota. Un ologramma fatto di niente, di calma buia.
Ma è solo un esempio.
Gli altri ologrammi non mi lasciano di certo in pace. Qui è questione di fare pratica. Le immagini caotiche evocate faranno di tutto per distogliermi dal mio obiettivo. E vinceranno tutte le volte che le osserverò con attenzione, catturato dal loro contenuto emotivo.
Perderò comunque se le negherò e cercherò di evitarle. E’ come se cercassi di scacciare una mosca fastidiosa. E’ proprio ciò che vuole. Anche se si tratta solo di una mosca virtuale.
Mi vengono davanti? Mi eccitano o mi spaventano? O.K. intanto io li lascio fare con l’attenzione al mio scopo. Percepisco ogni cosa e indico la strada. E vivo ogni cosa da osservatore…indicando la strada.
Poi mi sono svegliato il mattino dopo davvero in forma. E le bollette le ho pagate tutte. E gli altri Dei dispettosi? Erano tutti là vivi e vegeti. Ma ora avevo imparato ( in parte) a vederli anche come immagini. Non quelle che mi ero fatto io ( concetti) ma bensì come quelle che essi erano in realtà. Quelle che desideravano mostrarmi di sé stessi. Ora liberi di farlo. Vi pare poco?
A questo punto erano diventati davvero Dei con la propria immagine. Veri Idoli.
Gian Berra.