L’immagine Autonoma

L’immagine autonoma

 

Un oggetto ha la propria immagine. E’ visibile da tutti quello che lo hanno vicino. E’ autonomo e reale. Se serve ad uno scopo reale, aspetta che qualcuno lo usi. E’ stato creato per una funzione.

Però può essere anche bello. Può cioè richiamare non solo la sua funzione, ma anche un’emozione.

Quando la creatività è usata non solo per scopi funzionali, ma anche per scopi emotivi la sua energia vitale si moltiplica all’infinito.

Essa entra nel profondo delle coscienze che la osservano e va a toccare le funzioni vitali originarie condizionandole. In questo modo si smuove una grande quantità di energia. Un tipo di energia che non tutte le coscienze sanno gestire. Essa nasce in un luogo quasi inaccessibile.

Per questo l’oggetto che possiede energia emotiva non ha prezzo.

Anche per produrre immagini dotate di carica emotiva serve una buona dose di creatività. Più esse sono nuove ed originali, più aumenta il loro potere.

Ma possono anche essere prodotte copiando schemi emotivi già pronti. Ad esempio immagini ad alto contenuto sessuale non hanno bisogno di molta creatività. Si tratta comunque di immagini che posseggono poca energia intrinseca. Si dimenticano subito.

 

L’immagine autonoma, quella originale, crea nuovi schemi di pensiero. Essi restano come nuova esperienza dentro le coscienze. Hanno il potere di modificarle e di contribuire alla loro evoluzione.

 

Quando l’immagine raccoglie dentro di sé concetti astratti di pensiero complessi riconosciuti da parecchie coscienze, essa acquista una dose ulteriore di energia. Essa stessa diviene quel concetto e il solo fatto di pensarla o di vederla richiama il suo potere. Essa entra dentro le coscienze sino ai programmi originari nascosti in loro. Ed essa in silenzio parla alle coscienze da quel luogo nascosto e li condiziona. Sin dagli albori dell’umanità i costruttori di divinità forse hanno abusato di questa procedura. Ma alla Natura ciò interessa ben poco.

Ma questa è una procedura preziosa e vale la pena usarla con creatività e per gioco. Un gioco con sé stessi, proprio come fa la Natura.

Gian Berra

 

 
 
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...