Intervista a Gian berra sull’informale barocco

Gian Berra: un artista nativo di terra veneta.

 

Ogni terra da i propri frutti. Essi sono i suoi figli. Si nutrono di essa, respirano la sua aria e bevono la sua acqua. La vita germoglia e non chiede che di vivere.

Non ci sono dei perché. La vita si manifesta con potenzialità creative inaspettate ed imprevedibili. E l’artista è il Jolly che ogni volta rimescola le carte e propone infinite possibilità mai prevedibili.

Gian Berra  festeggia oggi i suoi primi 35 anni di pittura. Un ‘artista a tempo pieno che da giovane ha girato un po’ il mondo e poi è tornato a respirare l’aria di casa con una serie di esperienze che gli ha permesso di confrontare tante situazioni umane.

Gian Berra è un artista perennemente in contatto con ciò che vive. Lo affascinano le identità nascoste nei propri simili. Essi nascondono i loro lati migliori dietro apparenze; comportamenti che rivelano in continuo la ricchezza di ognuno. L’artista vede questa ricchezza e la rende palese a tutti.

La natura che ci sta attorno, che ci alimenta ma che anche ci mette alla prova, è piena di segni e linguaggi speciali che è così facile raccogliere. Gian Berra nota toni di luce, forme, personaggi e con emozione libera li rende concreti. Da una forma al linguaggio della vita.

La sensibilità all’essenza delle altre coscienze è un dono speciale, ma scomodo.

L’artista vive il suo ruolo con dispetto. Vede, sente una realtà allargata. Si cruccia perché altri non la notano. E non ne può fare a meno. Quello è il suo ruolo. E’ l’unico modo per essere totalmente sé stesso. E’ il suo scomodo tesoro.

Vive la vita con infinito entusiasmo: la vita è troppo bella, meravigliosa, sfaccettata come una gemma. Come volgere lo sguardo altrove?

Gian Berra vive l’emozione di vivere. E vorrebbe, da vero egoista, che anche tutti gli altri lo facessero. Da questo punto di vista è un gran illuso, ma i suoi quadri parlano anche a tutti quelli che alla meraviglia per la vita, non ci pensavano più.

 

35 anni di attività artistica.

 

Quante mostre in 35 anni! Gian Berra è un autodidatta, anche se nel 1980 ha frequentato per un po’ l’Accademia di Belle Arti di Venezia.

Ma perché ci eri andato?

         Era per vedere cosa si faceva là. Io da anni già dipingevo, ma mi era venuta la curiosità di vedere, sentire. Sono un gran curioso per natura. Parlai con Emilio Vedova che insegnava in quella scuola. Rimasi deluso dei quell’ambiente. E me ne tornai in collina.

         E le mostre?

         Ho iniziato quando il boom dell’arte era già finito. A metà degli anni ’70 gran parte del mercato era finito. Nessuno a cui rivolgermi per un consiglio. Così mi inventai tutto. Autodidatta sino in fondo. Mi bastava poter vivere libero di “fare arte” e possibilmente non fare debiti. E quando mi sentivo sconsolato me ne andavo a passeggiare sulle ghiaie del Piave.

Di mostre Gian Berra ne ha organizzate davvero tante. Quasi sempre spazi pubblici o luoghi anche di fortuna. Finché nel 1990 gli viene l’idea di provare a raccogliere amici intorno a sé. Fonda l’Associazione Culturale La Criola con lo scopo di creare un gruppo di persone sensibili all’arte. Insieme a loro organizza mostre collettive.

Nel 1993 lancia un “ Corso pratico di pittura” rivolto a tutti quelli che sentono di provare la magia del dipingere. E’ un sucessone. Ma anche una grande responsabilità che stanca, ma riempie di soddisfazione.

 

         Oggi siamo nel 1996, come va il corso?

         Quest’anno mi sono preso una pausa, un poco di respiro per pensare a nuove cose.

         E il bilancio di 14 anni di corso?

         Ho tentato di contare le persone “allievi” del corso, e dovrebbero essere almeno 900. Quasi non mi sembra possibile…

         E le “nuove cose”?

         Sto entrando in una fase nuova della mia vita. Per chi vive l’arte è un’esigenza interiore agire sempre con spontaneità. Ascoltare il proprio interiore e seguire l’intuizione. Sono sensazioni, emozioni che cercano nuove vie con cui giocare alla vita. Sento di dover elaborare un nuovo linguaggio pittorico. Una tecnica alternativa a quella che già opero. Sono sempre stato un “espressionista alla veneta”. Un romantico agreste, sognatore di atmosfere arcaiche. Ma comunque ben vive tuttora… Ma dieci anni fa iniziai a scendere più in profondità. Mi lasciai andare ad uno stile più informale, una ricerca che ho tenuto per me. Sinora non ho mai esposto questi lavori.

         Desideri cambiare stile?

          No davvero. Ma sento che questi lavori siano maturi per essere proposti al pubblico in alternativa agli altri. Semplicemente lascio che una parte nascosta di me si riveli. Sarà questa profondità a dire la sua. E io la lascerò libera di giocare.

         Ha un nome questa subpersonalità pittorica?

         Di certo ha un nome, il mio. Sono sempre io, solo che ora lo rivelo al di fuori di me. Una pittura senza forma. Non direttamente leggibile. Un messaggio da ciò che è nascosto dentro l’intima essenza di ciascuno. Espresso con un linguaggio leggibile solo con sensazioni ed emozioni. Come si fa da bambini.

         Un linguaggio degli Archetipi?

         Mah, forse qualcosa ancora più profondo…Gli Archetipi forse hanno bisogno di una forma fissa o quasi, ma leggibile in ogni cultura. Ad uno stato primordiale non ci sono nemmeno le immagini.

         Allora proponi un informale?

         Qualcosa di più. Viviamo in una civiltà che continuamente reinventa sé stessa anche se sembra abbia uno schema fisso. Viviamo in perenne “decadenza”; ma ogni decadenza è in realtà è una rinascita. E lo sappiamo tutti. Alla fine del 1700 era la stessa cosa e lo stile barocco ne è la prova. Barocco significa mettere un ricciolo compiaciuto al proprio cambiamento. Vivere con gusto la propria impermanenza…

         Un “ informale barocco”

         Bravo! Ecco il nome: Informale Barocco di Gian Berra.

          

 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in arte. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...